Sono anni che la gente, pagherebbe per sapere chi sono le persone che visitano piu' spesso il proprio profilo... e sono anni che c'e' gente che inventa soluzioni campate per aria per ottenere quel risultato... invana. Questo perchè la maggior parte delle piattaforme social, non permettono di visualizzare tale informazione. Non so se per privacy o per semplice scelta, ma tecnicamente sarebbe possibile farlo. E diciamoci la verità... i social, già registrano questo genere di informazioni, anche solo che per questioni di debug o di sicurezza... chi è che non ha un access log... ormai perfino il sito piu' "scabercio" sviluppato con le tecnologie piu' "scaberce" ha questa funzione. L'utilità di ciò, non si limiterebbe al sapere chi ci ama di piu'... ma anche a chi, forse, ci odia di piu'. La cosa certa, è che si potrebbe sapere, chi è che ci fa' "visite compulsive" piuttosto che occasionali. Ad esempio, secondo me, alcuni fattori da tenere in considerazione sarebbero: - il numero di visite in un lasso di tempo prestabilito - il numero di visite che hanno generato un interazione QUALSIASI col profilo visitato nello specifico: suddividere le semplici visite da quelle dove una volta visitato il profilo, si clicca su un "Mi piace" o si commenta o ancor piu' semplicemente, si invia un messaggio all'utente proprietario di quel profilo - il numero di visite che non trovano novità sul profilo, da quelle che presentano aggiornamenti e differenze Sicuramente non sono tutti, ma sono tre fattori esempio che rendono l'idea. Aggiungendo qualche studio comportamentale, magari bayesiano e un algoritmo per trovare discorsi e/o parole chiave utili, sono sicuro che sarebbe possibile definire una percentuale di pericolo di stalking... e magari anche la percentuale di pericolo di "assalto". Piu' i social invaderanno la nostra vita per certi versi controllandola e manipolandola (attraverso pubblicità mirate) e piu' saremo soggetti, fortunatamente, anche a dei controlli preventivi... I problemi per la realizzazione di questo sistema al momento sono solo due: - Tutto ciò, richiederebbe degli studi preventivi sul comportamento umano sulle piattaforme social. Insomma, esperimenti di ricerca su cavie UMANE. - Chi ce lo va' a dire a Zuckemberg di sviluppare un carrozzone simile? ma soprattutto, a che pro per le sue tasche?

0 commenti:

Posta un commento

Visualizzazioni totali